News

In USA i designer sono i consumatori. Cosa può imparare il made in Italy?

Tempo di lettura < 1 minuti

Riporto un articolo di Marco Bettiol, docente di marketing all’università di Padova, per designpeople.

Negli states imperversa un grande dibattito sul ruolo dei consumatori nel design. Nussbaum (businessweek) e von Hippel (professore MIT) sostengono una tesi radicale: il consumatore, grazie anche all´uso delle nuove tecnologie, diventa designer e progetta il prodotto in autonomia. Von Hippel si spinge a dire che le imprese devono orientarsi verso la creazione di user toolkit (cassette degli attrezzi) che consentano al consumatore di costruirsi il prodotto su misura. Nel mondo del digitale non mancano esempi di successo (dai videogiochi – counterstrike – al mondo del software open source). Anche nel mondo offline si assiste ad un fenomeno simile. Chi si occupa di sport, in particolare di quelli estremi, sa quanto il consumatore possa essere innovativo, sia per quanto riguarda gli aspetti tecnici del prodotto, sia per quanto riguarda quelli estetici. E´ stata la sub-cultura degli snowborder che ha ´ creato´uno stile (pantaloni larga a vita bassa, giubbotti abbondanti) che oggi è di riferimento nel settore. Non certo un gruppo di designer. Non ci sono solo professori e giornalisti a parlarne. IDEO, famosa design fab californiana, ha fatto di questo approccio centrato sull´utente il proprio elemento distintivo in termini di progetto. Quale lezione per il design made in Italy? La nostra tradizione nella cultura del progetto è profondamente diversa, più centrata, sul designer-artista. Senza arrivare agli estremi statunitensi, credo che il nostro design debba tenere conto in misura maggiore del consumatore finale e deve essere maggiormente creativo nel trovare forme di coinvolgimento. Quando questo accade i risultati possono essere sorprendenti . ben oltre le solite sedie.

Marco

che ne pensate?

Comments

  1. Excellent way of describing, and pleasant piece of writing to get data about my presentation subject, which i am going to present in college.

Speak Your Mind